Le donne della provincia di Chin in Birmania (precedentemente Myanmar) erano famose per la loro grande bellezza. Secondo gli anziani, c'erano volte in cui il re e altri nobili del Myanmar venivano in questa regione solo per scegliere le ragazze che preferivano e portarle a diventare concubine. Incapaci di difendersi, le donne anziane hanno poi tatuato i volti delle ragazze, sperando di renderle brutte per il re in modo che non fossero portate via.

C'è ancora un'altra versione sull'origine dei tatuaggi facciali, che avrebbe iniziato a essere fatta dagli uomini per impedire ai nemici e ai saccheggiatori di rapire le loro belle donne.

Indipendentemente dall'origine reale (che potrebbe anche essere passata attraverso entrambe le storie), i tatuaggi facciali stavano gradualmente diventando un simbolo di femminilità, forza e resistenza, un rituale a cui tutte le ragazze dovevano sottomettersi in onore delle tradizioni. Le donne riferiscono addirittura che se non avessero avuto i disegni sui loro volti, non avrebbero nemmeno trovato un uomo da sposare! Attualmente, la donna più anziana con una faccia tatuata nel villaggio di Pan Paung ha 70 anni e dice che ha ottenuto i tatuaggi perché tutti gli altri li stavano prendendo.

Nello stesso villaggio di Pan Paung, la donna più giovane con i tatuaggi facciali ha 60 anni. Sebbene in altri villaggi sia ancora possibile trovare donne più giovani con i tatuaggi, la pratica si è estinta nelle ultime generazioni, per un motivo comune a tante altre tribù che hanno abbandonato la tradizione della modificazione del corpo: a causa della globalizzazione e della modernizzazione che stanno raggiungendo i posti più remoti, molti giovani si vergognano di distinguersi quando vanno in altre città, per esempio, o hanno paura di trasferirsi e di non trovare lavoro in futuro.

Questi tatuaggi sono stati fatti su ragazze di età compresa tra 11 e 15 anni - un processo così doloroso e lungo che hanno dovuto essere supportati e tenuti da altri. La vernice è stata presa da una pianta speciale che alcune tribù si sono mescolate con rene di bufalo e applicata con un tipo di ago fatto con materiali organici (come il bambù o lo stelo di un'altra pianta). Il gonfiore successivo fu così grande che le ragazze non riuscirono ad aprire gli occhi e a volte nemmeno parlare!

Nel tempo: potresti aver notato (o da ora in poi inizierai a notare) che praticamente ogni tribù di cui parliamo ha orecchie svasate. I rituali penetranti indicano il passaggio da una fase della vita all'altra e sono un atto di coraggio, di maturità, perché insegnano a sopportare il dolore. Dopo la perforazione, nel tempo, le persone iniziano ad allargare gradualmente i loro fori, un processo che dura tutta la vita. L'allargamento dei lobi è spesso visto come un processo che richiede pazienza e perseveranza, quindi quelli con i lobi più grandi, di solito in età avanzata, sono i più esperti e saggi. Prendi, ad esempio, la dimensione dei fori nelle statue del Buddha ...

fonti:

  • Di Francine Oliveira al Late TattooTattoo
  • http://www.nancychuang.com/blog/travel/myanmar/tattooed_woman_pan_paung_myanma.html
  • https://www.dailymail.co.uk/indiahome/indianews/article-2248352/Tattoos-make-dazzling-beauty-Photographers-enchanting-images-capture-faces-world.html
  • https://www.mdig.com.br/index.php?itemid=20621

Tatuaggi, motociclette, graffiti, musica sono alcune delle mie passioni e i miei argomenti principali su BlendUp.

it_ITIT