I tatuaggi orientali sono molto popolari nel nostro piccolo mondo occidentale, ma qual è la loro origine comunque?

Quando pensiamo a grandi disegni e chiusure di disegni orientali, ci associamo immediatamente Yakuza, temeva la mafia giapponese. Per sfoggiare un tatuaggio, bisogna sopportare l'esposizione al dolore. Pertanto, il processo di "chiusura del corpo" con l'inchiostro richiede anni per essere completato.

La pratica di chiudere grandi pezzi di pelle risale a uno dei gruppi che si ritiene abbiano dato origine al vero Yakuza: o bakuto. Giocatori itineranti nel periodo feudale del Giappone (intorno al XVIII secolo), bakuto erano fuorilegge che viaggiavano attraverso i feudi facendo soldi con il gioco d'azzardo tradizionale come hanafuda (gioco di carte giapponese) e dadi. Alla fine, durante l'era Edo (quando il Giappone era governato dagli shogun della famiglia Tokugawa), bakuto furono assunti dal governo per intrattenere i lavoratori feudali - i giocatori potevano trattenere il denaro dei lavoratori purché pagassero al governo una percentuale.

I giocatori d'azzardo avvolgevano le braccia e il petto con elaborati tatuaggi che nascondevano i codici rivelatori dei loro crimini e il numero di convinzioni.

Mentre i giocatori d'azzardo organizzavano e ampliavano le loro attività, coinvolgendosi con prestiti, spese di protezione, traffico di droga, case di prostituzione, tra le altre, le famiglie di Yakuza. I tatuatori finirono anche per associarsi con qualche famiglia criminale e fino ad oggi sono loro stessi responsabili della scelta dei disegni da realizzare su ogni individuo - che porterà ancora la firma dell'artista. Elaborare la "seconda pelle", chiamata, in Giappone, irezumi, il tatuatore deve conoscere bene il cliente: oltre ai valori dell'organizzazione, le immagini riflettono anche la personalità e le credenze di ogni persona, secondo la sua storia personale.

 

I disegni più comuni sono i draghi, che offrono protezione a coloro che li portano, e sono considerati simboli di mascolinità. Nati dai miti cinesi, significano anche longevità e prosperità, con ogni drago che ha nove figli, ciascuno con una personalità specifica: “la temerarietà è il segno distintivo di drago Haoxian; Yazi è bellicoso e coraggioso, a volte la sua immagine è usata nelle armi; A Bixi non piace stare da solo; Quiniu, un grande amante delle melodie, spesso scritto in strumenti musicali, specialmente quelli a corda; Chiwen, guardando sempre l'orizzonte; A Suanmi piace molto il fuoco, quindi può essere visto nei bruciaprofumi; Pulao gode di un bel ruggito e fa parte della decorazione delle campane; Jiaotu, sempre avvolto attorno al suo corpo, è spesso usato sulle porte. Anche benevolo, il drago infuriato può causare disastri naturali ed eclissi.

* testo tratto da Portal Tattoo.

Alcune carpe, mentre nuotano verso la sorgente del Fiume Giallo (Huang Ho), si ritiene che debbano arrampicarsi sulla cascata di Longman Falls, o Dragon Gate, ed è qui che si trasformano in draghi.

Ogni blocco dovrebbe essere visivamente bilanciato e le immagini dovrebbero sempre apparire in coppia. La tigre, simbolo di perfezionismo, forza e coraggio, appare spesso come la coppia del drago.

Il tatuaggio della carpa verso l'alto significa forza per raggiungere gli obiettivi; verso il basso, indica che gli obiettivi sono stati raggiunti. I disegni delle foglie che appaiono attorno a carpe e draghi rivelano il percorso verso il cielo che questi esseri devono seguire.

I samurai rappresentano disciplina, dedizione e lealtà. I fiori di ciliegio sono comunemente associati all'effimero della vita; I crisantemi sono simboli di bellezza, semplicità e perfezione. A flor lor, fragrante e bello che nasce dal fango, rappresenta l'evoluzione dell'anima; Le peonie indicano onore, ricchezza e distinzione.

 

Fanno ancora parte delle composizioni di leggendari tatuaggi personaggi teatrali e miti giapponesi.

I colori più comunemente usati sono le tonalità di nero (sumi-e) e rosso (risultanti da una miscela molto tossica). Per riempire ampi spazi della pelle, viene utilizzato un metodo chiamato tebori ("incisione a mano"), che richiede forza e continuità per un'applicazione uniforme. Lo strumento è realizzato unendo diversi aghi infilati e posizionato su un supporto di metallo o, più comunemente, di legno. Il processo è considerato più doloroso del tatuaggio a macchina non solo perché richiede più tempo, ma anche a causa dell'impatto degli aghi sulla pelle.

 

Per quanto riguarda la firma del tatuatore, più rispettato e vecchio è l'artista, più grande è la placca che porta il suo nome. Anche un tatuatore molto rispettato fa pagare cari, e ottenere un tatuaggio del genere è uno status symbol tra i membri delle organizzazioni.

Per saperne di più:

 

In un estratto del libroYakuza Moon, A", L'ex gangster Shoko Avendo racconta la storia dietro la sua seconda pelle e perché lo ha fatto. Lo scrittore appare accanto ad altri membri ed ex membri dell'organizzazione in un episodio della serie "Marked Bodies", trasmesso da The History Channel, intitolato "Death of Yakuza".

Originale di Francine Oliveira alla fine del Tattoo Tattoo

Tatuaggi, motociclette, graffiti, musica sono alcune delle mie passioni e i miei argomenti principali su BlendUp.

it_ITIT